mercoledì 29 aprile 2015

Banca dati AIFA #HACKED!


https://farmaci.agenziafarmaco.gov.it
www.farmaciegravidanza.gov.it 
Hacked & Defaced!!

Con questa azione, Anonymous desidera denunciare la miriade di sconcertanti azioni compiute dalle case farmaceutiche, azioni SEMPRE finanziate e insabbiate dallo Stato. Vogliamo che la gente realizzi quanto i politicanti capi di stato siano disposti a svenderci alle cosidette "BIG PHARMA".
L'8,6 % del PIL italiano viene impiegato nel settore sanitario. Uno dei nostri ex "monarchi" ed attuale senatore a vita, Mario Monti, dichiarò che la sostenibilità della sanità stava divenendo difficoltosa. Non a caso tagliò i finanziamenti sanitari, penalizzando personale e infrastrutture. Però lo stato non ha, oppure non ha voluto, riflettere sul prezzo dei farmaci. Non ci pare ragionevole che ci sia un businness dietro alla nostra salute, compriamo per svariati euro farmaci che sono stati prodotti ad un prezzo veramente ridicolo.
Il malato è il cliente di suddetto business, che spesso spende la gran parte dei suoi averi spinto dalla paura. Dietro le dubbie e costose pratiche della medicina allopatica possiamo benissimo notare come le grandi case farmaceutiche abbiano dalla loro parte diversi bilioni: la più ricca di esse, la Pfizer, ha un fatturato di ben 67,42 miliardi di dollari (2011). Inoltre, per quanto l'uso medico della cannabis sia riconosciuto in un numero crescente di paesi e per quanto anche nel nostro paese siano autorizzate le cure con farmaci a base di cannabinoidi, sono tantissimi i malati di fibromialgia, leucemia, sclerosi multipla, cancro (e non solo) che, a causa delle difficoltà nel vedersi riconosciuto il diritto alla cura, scelgono di violare la legge auto-coltivando cannabis di varietà terapeutiche per alleviare dolori, spasmi muscolari e malessere da chemio. Nonostante le autorizzazioni del CNR di Rovigo e,in particolare, dello stabilimento chimico farmaceutico militare di Firenze (che produrrà, a regime, fino a 100 kg l'anno di cannabis ad uso medicinale, stimati sulla base dei 56 kg importati nel 2014), ammettere la coltivazione, il possesso e il consumo personale della cannabis terapeutica darebbe un vero taglio all’acquisto a prezzi proibitivi di farmaci cannabinoidi, che attualmente sono prodotti solo all'estero, talvolta anche in paesi dove la cannabis ad uso medico resta di fatto illegale. Il governo, tuttavia, concede licenze alle società farmaceutiche consentendo loro di crescere cannabis per lo sviluppo di nuovi farmaci. Pur riconoscendo gli effetti collaterali decisamente innocui e molto blandi se confrontata con altri farmaci convenzionali utilizzati nelle medesime terapie, la cannabis terapeutica è ancora contemplata solamente come alternativa ai farmaci già disponibili in commercio per quanti non ne abbiano ottenuto benefici. Da antiproibizionisti esigiamo che le leggi tutelino il diritto all'assunzione e alla coltivazione personale di marijuana, sia per scopo terapeutico che ricreativo.

Gli psicofarmaci prodotti dalle grandi multinazionali si sono ormai da tempo affermati grazie alle pressioni delle case farmaceutiche e alla complicità dei governi che tacciono volontariamente sulle conseguenze nefaste degli psicofarmaci. Anzi, il potere compie ogni sforzo per diffonderne l'uso in modo capillare. Queste sostanze costituiscono per il potere lo strumento ideale per il controllo sociale e rappresentano la realizzazione di quella molecola per l'assoggettamento della coscienza che i nazisti hanno a lungo ricercato. Moltissimi sono i settori amministrati dallo stato nei quali le persone rischiano la somministrazione forzosa degli psicofarmaci. Si pensi per esempio al sistema scolastico, nel quale in moltissimi paesi occidentali abbondano psicologi che monitorano con discrezione il comportamento e le valutazioni degli alunni, catalogandoli in molte diverse categorie di "disagio", ossia di malattia. A seconda del tipo di disagio la famiglia dell'alunno sarà fortemente sollecitata ad intraprendere una cura a base di psicofarmaci per il figlio o la figlia.
Anche nei centri e nelle comunità di recupero per tossicodipendenti vi è un uso smisurato di psicofarmaci sempre in concomitanza con l'assunzione di metadone provocando gravissimi e non valutati danni alla salute.
Tantissimi sono anche gli individui che scelgono volontariamente di assumere psicofarmaci. Ne esistono di moltissimi tipi e con effetti collaterali e a lungo termine spesso davvero sconcertanti. A tal proposito sottolineiamo come l'assunzione volontaria di psicofarmaci sia incentivata dalle grandi case farmaceutiche che finanziano i medici affinchè li prescrivano anche quando assolutamente non necessari. Considerando la gravità dell'intossicazione da queste droghe del sistema per il controllo della coscienza sottolineiamo come il consumo di THC curerebbe in modo assai più efficace e senza conseguenze molte patologie psichiche.
Ovviamente cè un enorme uso di psicofarmaci anche nelle strutture per il trattamento del cosidetto "disagio psichico", cioè sia nei centri per le terapie farmacologiche psichiatriche, sia quelli che fino a poco tempo fà si chiamavano ospedali psichiatrici giudiziari.
Questo abuso sconsiderato di psicofarmaci, favorito dai governi di tutto il mondo genera un flusso incessante di miliardi di dollari nelle casse delle grandi industrie farmaceutiche dalla Bayer alla Pfizer, dalla Novartis alla Roche...

Anonymous desidera che le persone si informino e che insorgano contro le menti degradate e schiave del profitto dei padroni degli stati e delle case farmaceutiche, quindi vi invitiamo a leggere il link sugli effetti devastanti degli psicofarmaci. Non è difficile immaginare le condizioni delle generazioni future, che nasceranno tra gli ogm, i pesticidi della Monsanto e l'inquinamento globale.
Vi invitiamo, ancora una volta, ad unirvi al nostro movimento, vi invitiamo a non essere più le vittime sacrificali di questo malato e immondo sistema, non riusciranno a piegare la nostra volontà,
padroni delle BIGPHARMA: siano maledetti i vostri valori di sfruttamento!. 

We are Anonymous
We are Legion.
We do not forgive. 
We do not forget. 
Expect us !

#OpItaly #Anonymous #AIFA

 


19 commenti:

  1. la cannabis non verra mai legalizata ad uso ricreativo in italia per via dei suoi migliaia di utilizzi nel campo economico: ad esempio la cannabis si puo utilizzare per produrre carta e cio farebbe perdere migliaia di clienti hai commercianti di carta, si puo utilizzare come tessuto e cio' farebbe perdere migliaia di clienti a chi produce cotone lana ecc.. (sia carta che tessuto prodotta con la cannabis vengono prodotti ad un prezzo bassissimo)

    RispondiElimina
  2. la cannabis si puo' utilizzare anche nel campo del energia e cio non garba per nulla a tutti i grandi produttori di petrolio e gas

    RispondiElimina
  3. Per chi non l'avesse già fatto e vuole informarsi meglio, ecco un video che spiega tutto sulla canapa e sulla sua storia dagli inizi del ventesimo secolo ad oggi. La vera storia della marjiuana di Massimo Mazzucco. Mettetevi comodi e godetevelo fino alla fine perchè ne vale la pena :)

    https://www.youtube.com/watch?v=mEqOaOdH7YQ

    RispondiElimina
  4. mannaggia a micro trend security al lavoro mi bloccano youtube :( appena arrivo a casa me lo guarda grazie per la dritta

    RispondiElimina
  5. di ca++ate ne avete scritte tante...un po' di studio non vi farebbe male, evitereste di cadere nella trappola gombloddara pure voi...

    RispondiElimina
  6. psicofarmaci? anche alcuni antibiotici passano la barriera ematoencefalica e infatti danno sonnolenza...anche la tachipirina agisce su alcuni recettori cerebrali...tenetevi un depresso maggiore o uno schizofrenico in casa senza terapia farmacologica e poi ne riparliamo...ahimè siete degli idioti!

    RispondiElimina
  7. sembrate Povia...poveretti, troppi piccioni!

    RispondiElimina
  8. "A tal proposito sottolineiamo come l'assunzione volontaria di psicofarmaci sia incentivata dalle grandi case farmaceutiche che finanziano i medici affinchè li prescrivano anche quando assolutamente non necessari"...ancora sto a ride!! Ma ce siete o ce fate?

    RispondiElimina
  9. la cannabis che curerebbe malattie psichiche? e perché la letteratura scientifica parla di cannabis come causa di depressione e psicosi? chiariamoci io sono per la liberalizzazione ma non sulla base di discorsi idioti e superficiali come questo che fate qui..a latere quello che avete fatto si chiama interruzione di pubblico servizio ed è un reato...che dire, fate un po' pena sapete?

    RispondiElimina
  10. tante cose sono vere ma secondo me dovete avere un po più di preparazione nel entrare su le diagnostiche e effeti della marijuana nel cervello.ho usato entrambi e sono 10 anni che studio ancora non si è capito bene.a volte fumavo e stavo bene a volte fumavo e stavo mallissimo ,stessa erba stesso dosaggio va be non entro nei particolari

    RispondiElimina
  11. You are Antonymous
    You are Idiots
    You do not recognize
    You do not argue

    Shoot us!

    #PoorItaly #Antonymous #ILAI (International League Against Idiocracy)

    RispondiElimina
  12. Ahò, ma state male de brutto...siete da ricovero!!!

    #aripijateve

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Almeno tra un commento e l'altro un'oretta falla passare altrimenti loro saranno da ricovero ma tu con molte probabilità non superi la nottata. Fatti una bella canna e vedrai che tutte queste malattie che ha il tuo misero cervellino ti passeranno. E adesso 50 giga di vaffanculo a te e a tutti i proibizionisti bigotti come te

      Elimina
    2. ah ah ah proibizionista a me? che ridere....ma pigliate no psicofarmaco, va! è proprio vero quando si dice "la gente stanno male".

      Elimina
    3. si , la gente 'stanno' male però il tuo italiano sta peggio.

      Quando dimostrerete di saper fare 1/10 (si legge un decimo eh, di sicuro non conosci nemmeno le frazioni) di quello che fa Anonymous anziche lamentarvi, criticare e basta allora potrete permettervi di aprire la bocca, fino a quel giorno i soliti 50 giga di vaffanculo

      Elimina
    4. Prima di tutto gli effetti dipendono dal tipo di erba, con alcune é veramente difficile entrare in paranoia e poi se soffri di depressione non te la consiglio... Vedo che non riesci ad avere ideali tuoi per tutte le cazzate che ti mettono i media in testa. Gli psicofarmaci sono un business per le case farmaceutiche e sono prodotti chimicamente; la marijuana contiene centinaia di sostanze chimiche che lavorano assieme e che risolvono problemi come insonnia, emicrania, riducono il dolore e se stessi qui a elencartele tutte ci metterei una giornata. Hai idea che per ogni problema di questi ora prendi medicinali che hanno una lunghissima lista di effetti collaterali e ogni medicinale che ha bisogno di ricetta medica risolve un problema per poi crearne un' altro... Io ho esperienze personali e parenti che ora non sono più qui e hanno perso la salute proprio per i medicinali. Io mi chiedo quando ci ribelleremo a queste ingiustizie e quando aprirete gli occhi contro questo sistema corrotto e ingiusto
      P.s.
      Se odi gli anonymus non entrare nel blog e continua a guardare TV e leggere giornali

      Elimina
  13. caro lei..la gente "stanno" male era virgolettato appositamente perché citazione tipica del "qualunquismo ignorante"...nota corrente di pensiero trasversale che attraversa la mente di chi crede di avere risposte a tutto sulla base di nessuna competenza...sono rimasto molto colpito da ciò che Anonymous ha fatto contro ISIS (condiviso e osannato ovunque ho potuto) e altre operazioni intellettualmente precise e oneste..ciò non toglie che affermare che la marjuana cura le malattie psichiatriche e che gli "psicofarmasci" (altra citazione, stesso filone di pensiero) servono per imbonire la società moderna è una "ca*ata pazzesca (questo è Fantozzi) da sciakimikaro, gombloddista, NWO, kitipaka!1!!!111 (neologismi gergali da social network, nds) e non esime da critiche...ognuno ha i suoi epic fail, soprattutto se afferma di aver hackerato il sito di un'agenzia governativa quando ha bloccato solo ed esclusivamente i 2 servizi che forniscono informazioni ai cittadini. e con questo la saluto con la sua stessa eleganza e le auguro, con la sua stessa precisione, 10 tera di vaffanculo

    RispondiElimina
  14. Guardando in faccia la realtà io vedo molte persone che usano regolarmente marijuana, acquistandola in modo illegale e senza nessuna garanzia di qualità. Io mi chiedo c'é davvero gran differenza tra chi si fuma una canna e chi si beve superalcolici?? Se le grandissime teste di cazzo che ci governano la legalizzassero toglierebbero introiti alle organizzazioni a delinquere (soldi che entrerebbero nelle casse dello stato) e potrebbero controllare la qualità del prodotto. Non credo sia cosi difficile regolamentare la cosa (chi beve e guida viene punito.... nelle bottiglie di superalcolici c'é il sigillo del monopolio di stato perché non può essere uguale per la marijuana??
    In oltre la canapa può essere utilizzata in moltissimi campi.
    Politici siete un branco di stronzi!! (Tra le altre molti di voi tirano cocaina)

    RispondiElimina
  15. condivido il concetto della liberalizzazione appena espresso...ma (ebbene si, c'è un ma)...che c'entra l'AIFA? L'AIFA si occupa di regolamentare l'uso dei farmaci (per esempio mettendo i piani terapeutici ai cosiddetti psicofarmaci in maniera che possano essere prescritti solo da medici specialisti per le indicazioni corrette), quindi si occupa solo di gestire l'uso terapeutico dei derivati della cannabis (non è la canna a far bene, ma alcune sostanze che essa contiene) e non della liberalizzazione che casomai dipende da qualche ministero...se non dalle camere.

    RispondiElimina