martedì 27 ottobre 2015

#OpFreeKnowledge - La piattaforma della conoscenza


Pensiamo che in una società dove l'accesso alla cultura è sempre più escludente, sempre più subordinata agli interessi delle aziende, il progetto Operation Free Knowledge possa essere uno strumento nelle mani degli studenti, bibliotecari e ricercatori per riappropriarsi, attraverso la collaborazione reciproca, la condivisione e rielaborazione del materiale, l'ideale di accessibilità al patrimonio conoscitivo dell'uomo garantendone il diritto allo studio e stimolando una critica della proprietà intellettuale al fine di smascherarne i reali interessi e preservare la conoscenza alle future generazioni.
 
Abbiamo scelto di mettere in condivisione proprio i libri (in tutte le sue forme) perché i primi ad essere colpiti dall'attuale repressione di qualsiasi tipo di copia privata messa in atto da SIAE, governi e multinazionali, sono la gran parte degli studenti che, considerati gli alti costi che hanno attualmente i libri, non possono affrontare spese eccessive.

"Tutti voi, che avete accesso a queste risorse, studenti, bibliotecari o scienziati, avete ricevuto un privilegio: potete nutrirvi al banchetto della conoscenza mentre il resto del mondo ne rimane fuori. Ma non dovete - anzi, moralmente, non potete - tenere questo privilegio solo per voi, avete il dovere di condividerlo con il mondo." -Aaron Swartz, Guerrilla Open Access Manifesto.

OperationFreeKnowledge è un progetto ideato da Otherwise, compagno arrestato a Maggio del 2015.
L'idea principale è e sarà sempre quella di condividere liberamente ogni tipo di informazione e conoscenza con l'intero mondo.

La piattaforma può essere raggiunta tramite:

Canale ufficiale IRC: #OpFreeKnowledge.it

15 commenti:

  1. segnalo bug: i tasti home e lista portano rispettivamente a https://freeknowfiirexek.onion.to.to e a https://freeknowfiirexek.onion.to.to/lista; notare il doppio dominio .to alla fine dei links.

    RispondiElimina
  2. Really a wonderful post! I like it very much. Here I find everything in details.

    france

    RispondiElimina
  3. Vero. La conoscenza è importante. Spieghiamo allora cos'è anonymous.
    Anonymous è lo strato inferiore di quella fitta rete di mafia imprenditoriale, bancaria e militare che condiziona la politica italiana da quando esiste il narcotraffico.
    Sono poveri disperati reclutati dalla ex P2, attuale P3, per fare molestia e sorveglianza del territorio, uffici e residenze condominiali comprese, in cambio di un po' di droga e della sussistenza, oltre che dell'illusione di essere qualcosa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e a tutto questo sei arrivato prima o dopo esserti fatto la doccia con il tavernello?

      Elimina
  4. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  5. Thank you blogger, Hope that you would update to audience in future.

    nigeria news

    RispondiElimina
  6. Ragazzi, nell'immagine di questo post segnalo Leagion invece di Legion. Una volta corretto, eliminate pure il commento. Purtroppo molte persone non vedono scopi e missioni ma giudicano prontamente le apparenze, le uniche cose alla loro portata.
    Quanto mi piacerebbe vedervi all'opera per combattere le organizzazioni criminali che tanto, tanto feriscono la dignità e rendono infelici i cittadini più profondamente idealisti del nostro martoriato Paese. Possa un giorno qualcuno di voi, con ira terribile, intraprendere questa battaglia.
    Buona fortuna.

    RispondiElimina
  7. Profonda stima per voi.

    RispondiElimina
  8. Oggi è il 5 Novembre. Tanti auguri a tutti gli Anonymous, da quelli che rischiano la libertà a quelli che danno anche solo un piccolo contributo affinchè la legione diventi sempre piu forte. Siete tutti eroi, ma soprattutto siete gli eroi delle persone oneste stanche di essere vessate, sfruttate e umiliate da persone senza scrupoli che pensano solo al profitto.
    Tanti auguri di nuovo :)

    P.S. Sugli avvinazzati di tavernello che scrivono commenti alla "dick of dog" (cazzo di cane) qua dentro.... bahhh, non mi pronuncio neanche piu... ho perso le speranze

    RispondiElimina
  9. Ciao, ho scelto il centro postale di Milano Linate a inviare una lettera e mi hanno detto che non è ancora venuto, non a numero csi milano linate devono chiamare per fare un reclamo

    RispondiElimina
  10. Ragazzi per fortuna che esistono persone come voi, siete la nostra speranza e sono convinto che quando arriverà il giorno del giudizio,i re,perderanno la corona.....lunga vita a voi...

    RispondiElimina
  11. I agree with the majority of the points in this article and it’s great without any doubt.

    viral news

    RispondiElimina
  12. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  13. Lo unga vita a chi dice noooo siete la mostra speranza

    RispondiElimina
  14. Vi stimo per il lavoro che state facendo continuate così

    RispondiElimina